La biologia ha la sua “bomba atomica”

È una  sigla CRISPR-CAS9  ed è una tecnica di biologia molecolare  capace di “tagliare e incollare” in modo mirato specifiche sequenze di DNA.

È risaputo che  il nostro DNA contiene il Programma che codifica e governa tutte le nostre caratteristiche fisiche, da quelle esteriori che ci differenziano somaticamente,  a quelle intime  che riguardano il nostro metabolismo fino ai livelli microscopici che governano il funzionamento cellulare.

In particolare,  alcuni segmenti,   chiamati GENI, sono  localizzati  in precise posizioni all’interno della sequenza di   DNA  e svolgono funzioni specifiche.

I geni dirigono lo  sviluppo   fisico e comportamentale di un essere vivente, in quanto la maggior parte di essi produce le   proteine , le   macromolecole   maggiormente coinvolte nei processi   biochimici   e   metabolici   della   cellula.

Il CRISPR si dimostra straordinariamente efficiente nella sostituzione di un pezzetto di DNA.

Per queste sue caratteristiche, il sistema CRISPR/Cas9  è stato usato per l’ ingegneria genetica perché il  DNA dell’organismo può essere tagliato in qualsiasi punto  e con una tecnica semplice che richiede attrezzature relativamente economiche.

La tecnica consente poi,  non solo il taglio di una porzione del DNA, ovvero di un gene,  ma anche la sua sostituzione con un gene modificato prodotto dall’uomo.

In questi termini si parla di Editing genetico.

Risulta evidente che questa tecnica può cambiare molti aspetti della vita dell’uomo. Si possono immaginare applicazioni rilevanti in agricoltura, nella zootecnia e nella medicina con un impatto molto forte sulla società e  sul destino della vita sul pianeta.

Vediamo quali sono gli scenari possibili di applicazione della tecnica

In agricoltura e zootecnia

La multinazionale Monsanto  ha ottenuto la licenza  per impiegare questa nuova tecnica per lo sviluppo del seme. Un passo questo che probabilmente accelererà e semplificherà la creazione di colture resistenti  alla siccità o di proprietà migliorative dei prodotti agricoli.

Ricordo però che questa multinazionale ha già prodotto  alcuni anni fa ,e con una tecnica diversa, semi sterili che costringono gli agricoltori a ricomprare ogni volta le sementi per i nuovi raccolti e quindi condizionando pesantemente e negativamente  le condizioni  degli agricoltori.

Gli scienziati cinesi hanno pubblicato diversi articoli che descrivono capre, pecore, maiali, scimmie, cani e altri mammiferi modificati con la CRISPR accentuando quindi il processo della catena di montaggio della produzione alimentare non più legata ad un equilibrio sostenibile tra uomo e natura.

In medicina

Diverse applicazioni sono già in corso di sperimentazione e riguardano la modifica di alcuni tratti solo nelle cellule somatiche – ossia nelle cellule i cui genomi non sono trasmessi alla generazione successiva. Sono in corso sperimentazioni per l’anemia falciforme nelle cellule del sangue ,per la distrofia muscolare e per migliorare la capacità delle cellule immunitarie di colpire il cancro.

Ma l’editing genetico potrebbe essere applicato anche all’embrione allo scopo di risolvere le patologie legate a gravi malattie ereditarie e quindi sarebbero trasmesse alle generazioni successive come parte del patrimonio genetico umano.

Potrebbe però anche  essere applicato al “miglioramento” delle capacità umane e questo è molto inquietante.

Cosa si intende per miglioramento ? Un intervento “migliorativo” è accettabile solo se è terapeutico o ci sono altre opzioni ?

 

Problemi etici

La modifica della linea germinale pone molte questioni importanti sia riguardo alla precisione della tecnica che rispetto alla liceità finale di tali manipolazioni.

I ricercatori hanno scoperto che il metodo non è ancora abbastanza accurato per essere usato negli embrioni umani, e sembra  introdurre mutazioni inaspettate in altre parti del genoma.

Il fatto che, una volta introdotte nella popolazione umana, le alterazioni genetiche sarebbero difficili da rimuovere e non rimarrebbero all’interno di una singola comunità o paese.

La possibilità che “miglioramenti” genetici permanenti potrebbero accentuare le disuguaglianze sociali o essere usate coercitivamente.

Che fare ?

In primo luogo essere informati  e seguire, su siti attendibili scientificamente, il dibattito senza mai pensare che l’argomento sia troppo difficile .

Per capire le implicazioni dell’uso dell’energia nucleare non è indispensabile essere un fisico nucleare , e le implicazioni sociali corrispondenti trovarono una opinione pubblica attenta e partecipe che si mobilitò in  diverse nazioni.

Sicuramente lo sforzo per l’informazione tecnico-scientifica è notevole e richiede attenzione e partecipazione .

Ma gli spunti di riflessione già evidenziano un divario etico notevole legato alla “trasmissibilità” alle generazioni successive , alla gestione democratica  e alla trasparenza  delle scoperte .

Riemerge infine la necessità che scienza e politica si conoscano approfonditamente e proficuamente.

Tutti concordano sulla necessità che la politica finanzi adeguatamente la scienza anche perchè si attribuisce  a questa il ruolo portante nel processo di sviluppo economico così come la società chiede alla politica  di fare leggi che impediscano un uso spudoratamente commerciale delle scoperte scientifiche.

Il lavoro  e lo sviluppo della conoscenza possono e devono dare risorse economiche agli attori ed alle aziende che sono coinvolti , ma non devono creare situazioni di monopolio e di rapacità economica come si verifica , per esempio , nel caso delle cure per l’epatite .

Le altre questioni legate al problema delle malattie genetiche ereditarie sono molto più problematiche e complesse ed è , per me , impossibile  avere una linea di pensiero chiara e condivisibile.

Sicuramente la ricerca , con le dovute cautele , deve andare avanti anche perché , come già detto , se si può fare si farà , ma almeno cerchiamo di essere spettatori coscienti ed informati evitando grida ed anatemi .

Alcuni link di approfondimento e discussione :

Combattere l’anemia falciforme con CRISPR-Cas9

http://www.lescienze.it/topics/news/crispr-3222799/

Non solo CRISPR: i tanti modi per manipolare un genoma

http://www.lescienze.it/news/2016/08/17/news/non_solo_crispr_i_molti_modi_per_modificare_un_genoma-3200261/

Problemi etici

http://www.lescienze.it/news/2015/12/07/news/dibattito_eticoo_miglioramento_genoma_washington_crispr-2885570/

La Monsanto apre le porte all’editing genetico con Crispr

http://www.galileonet.it/2016/09/la-crispr-sara-utilizzata-anche-agricoltura/

Sviluppi nuovi della tecnica

http://blog.debiase.com/2016/05/20/editing-genetico-dopo-crispr-arriva-ngago/

La tecnica che ripara il Dna: sfida a tre per il brevetto del secolo

http://www.corriere.it/scienze/17_febbraio_18/crispr-tecnica-ripara-dna-sfida-tre-brevetto-secolo-df9eab2a-f550-11e6-acae-b28574795707.shtml

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...